" A casa principalmente leggevo. Avevo bisogno di soffocare con sensazioni esterne tutto quello che mi s’era accumulato dentro. Fin d’allor mi portavo nell’anima il mio sottosuolo. "